mercoledì
6
settembre
2017
Rockkereto Festival 2017

Rockkereto Festival 2017

concerto
dj-set
manifestazione
 Share 
COPIATO!
0
0
Quando
mercoledì 6 settembre
19:00
domenica 10 settembre
23:59
Dove
Rovereto sul Secchia (MO)
MAPPA
Artisti presenti
gruppo musicale
rock folk
cantautore
indie pop
musicista
sexy pop

ROCKKERETO FESTIVAL 2017
http://www.artirovereto.it/artiWP/rockkereto-2017/

Festival artistico culturale con concerti, spettacoli, esposizioni e mercatini
CINQUE GIORNI DI SPETTACOLI E CONCERTI GRATUITI
da mercoledì 6 a domenica 10 settembre 2017
PARCO VIA CHIESA NORD, ROVERETO S/S (MO)
come raggiungerci:
http://www.artirovereto.it/artiWP/come-raggiungerci/

PROGRAMMA:

MERCOLEDI' 6 SETTEMBRE
FLEXUS - LA STORIA DEL ROCK ore 21.30
https://www.facebook.com/Flexus-194355896769/
Concerto Spettacolo sull’evoluzione della musica Rock
Una vera Rock band accompagna il pubblico in un itinerario musicale raccontato e suonato interamente dal vivo, partendo dalle radici del blues americano di inizio secolo e attraversando cinquant’anni di cambiamenti musicali, culturali e sociali. Le canzoni sono strettamente collegate alle importanti rivoluzioni riguardanti lo stile musicale, i testi, il contesto socio-culturale, la moda e le possibilità tecniche del periodo, senza tralasciare aneddoti e curiosità. Vengono rievocate fedelmente e con l’adeguata strumentazione le sonorità risalenti ai vari periodi storici affrontati (1920-1970) in un viaggio che tocca fra gli altri: Bessie Smith, Bill Haley, Elvis, Chuck Berry, Adriano Celentano, The Beatles, Bob Dylan, Jimy Hendrix, The Rolling Stones, The Doors, Pink Floyd…In simultanea, alle spalle dei musicisti, sono proiettate immagini inerenti gli artisti e in alcuni casi le traduzioni dei testi. Viene inoltre proposto l’ascolto di alcuni dischi in vinile originali del periodo utilizzando un grammofono ed un giradischi, il tutto per illustrare in modo esaustivo i metodi di fruizione della musica in un passato non troppo lontano.

GIOVEDI' 7 SETTEMBRE dalle ore 21.00
La Grande Corsa
gruppo musicale indie folk formatosi nel 2014 a carpi (mo). Il gruppo è formato da Giuseppe Pirone (voce, chitarra classica, piano), i fratelli Valentina Medici (voce) e Mattia Medici (voce e chitarra folk), Filippo Spina (chitarra folk) con l’aggiunta della fondamentale “colonna ritmica” di Luca Torreggiani.

B.A.M.B.I. Marco Santarello
è il progetto solista di Marco Santarello (Minerva, Tuclah, Fabrizio Tavernelli, No Risk No Funk, Rayon Vert, …). Le ambientazioni sonore dei brani spaziano da atmosfere eteree e dilatate a momenti più concitati e sono caratterizzate da stratificazioni sonore ottenute tramite la sovrapposizione di loop registrati sul momento. L’esibizione a Rokkereto sarà la data di esordio ufficiale di B.A.M.B.I.

Franksy Natra
https://www.facebook.com/Franksynatraofficial/
Stefano Podda, in arte Podda, in arte Franksy Natra è un chitarrista, polistrumentista e cantautore sardo. Nato a Carbonia nel luglio del 1982, inizia a suonare punk rock con la sua band ‘The Cule Lie’ all’età di 16 anni. Nel 2005 è membro fondatore dei ‘Plasma Expander’, coi quali produce l’omonimo album d’esordio (wallace); alla scrittura dell’album seguono due tournée italiane. Dal 2006 si trasferisce a Londra, città in cui vivrà fino al 2011; durante l’esperienza Londinese forma la folk band ‘Takoma’ insieme all’amico Nick Rivera. Dal 2009 al 2015 produce e pubblica tre album con i Takoma, suona con i ‘Love Boat’ e i ‘Flyng Sebadas’. L’alter ego Franksy Natra nasce dall’esigenza di omaggiare la musica americana nelle sue espressioni più intime, immediate e cantautorali ( da Mance Limpscomb, Michael Hurley a Townes Van Zandt e Justin T.Earle).

Padre Gutiérrez
Padre Gutiérrez ha appena scritto delle nuove canzoni che sono state incise in un nuovo disco e gradirebbe suonarle davanti a della nuova gente. Il disco si intitola “Addio alle carni” e suona bene accompagnato con del buon lambrusco rosso sangue. Il disco è fatto di ruvido rock/blues che accompagna testi riguardanti lussuria, gola e amore in un crogiolo di dramma ed ironia.

VENERDI 8 SETTEMBRE dalle pre 21.00
Colombre
Il colombre è un pesce di grandi dimensioni, spaventoso a vedersi, estremamente raro. A seconda dei mari, e delle genti che ne abitano le rive, viene anche chiamato kolomber, kahloubrha, kalonga, kalu-balu, chalungra. I naturalisti stranamente lo ignorano. Qualcuno perfino sostiene che non esiste. Colombre è Giovanni Imparato. Ha trascorso gli ultimi anni scrivendo e arrangiando i suoi brani. Due dischi, un Ep e centinaia di concerti in Italia e in Europa. Nel 2012 comincia una collaborazione con la cantautrice Maria Antonietta: co-produce il disco Sassi del 2014 e l’Ep Maria Antonietta Loves Chewigum del 2015, accompagnandola live alle chitarre e agli organi dal 2013. Nell’estate del 2016 comincia a registrare Pulviscolo, il primo lavoro in solitaria con il nome Colombre, in uscita per Bravo Dischi. Ha costruito una barca nuova di zecca ed è pronto a salpare con il vento della primavera in poppa, l’entusiasmo di affrontare nuove avventurose sfide e l’esperienza di chi il mare lo conosce bene.

Birthh
Birthh, ’oscuro alter-ego di Alice Bisi, un personaggio che, per prendere in prestito il titolo di una delle canzoni del disco, si definisce “Queen Of Failureland”, una giovane regina che non trova pace. L’album “Born In The Woods” non è solo la voce di questo personaggio, è il suo stesso corpo: con i suoi colpi di cassa a mimare un inquieto battito cardiaco, i respiri affannosi tra i versi, i suoi cori caldi quasi tangibili. infatti unisce la sensibilità di una scrittura cantautoriale dalle radici folk, alla ricercatezza degli arrangiamenti elettronici. Il vero elemento distintivo del disco restano le armonie vocali (artificiali e non), che portano le canzoni a climax dai toni quasi gospel, e fanno parlare l’intensa voce di Birthh direttamente dal cuore.

Gazzelle
Esce per Maciste Dischi SUPERBATTITO, album d’esordio di Gazzelle. Prodotto da Igor Pardini e Gazzelle presso Il Cubo Rosso Recording di Roma, con la supervisione artistica di Leo Pari. Masterizzato da Andrea Suriani presso l’Alpha dept. studio di Bologna. Occhiali da sole, occhiaie da solo. Zenzero e zucchero filato. Con la felpa sporca della sera prima. SUPERBATTITO è un disco ammiccante e catchy. Sexy-pop.
“Ha tutte le carte in regola per diventare la Next Big Thing” Rolling Stone
“Troppo facile bollarlo come il prossimo Calcutta, secondo noi c’è molto di più” Deer Waves
“Si chiama Flavio viene da Roma ed è già il fenomeno musicale del momento”. Spettakolo.it
“Gazzelle è la scommessa italiana del 2017” Gioia
“In Flavio riconosciamo il dono dei cantautori (bravi) di saper attirare il nostro sguardo su cose autentiche, sarà che c’è una tenerezza intelligentissima nel suo modo di essere vittima di femminili stronzeggiamenti” BeatandStyle
“Lavoro difficile da dimenticare. “Superbattito”, album tanto atteso, si è rivelato all’altezza delle aspettative.” LoudVision

SABATO 9 SETTEMBRE dalle ore 20.00
Pinguini Tattici Nucleari
nascono nel 2012 (che casualmente corrisponde all’anno di inizio carriera di Van Basten) come band Christian Death Metal; anche se questa fase dura molto poco, infatti stanchi di suonare musica tranquilla e mai sopra le righe, iniziano a suonare Indie Rock nel 2013. La Band Bergamasca è capitanata da Riccardo Zanotti nonchè il principale compositore delle canzoni, con lui Nicola Buttafuoco “il Cotoletto”, Elio Biffi “Bandolero Seducente”, Lorenzo Pasini “Cosa?”, Simone Pagani “Perditore di targhe” e Matteo locati “Tamagotchi” che le eseguono magistralmente. Il primo lavoro della band è l’EP dal nome “Cartoni Animali”, nel 2014 arriva il primo disco “Il re è Nudo” ma è solo nel 2015 con il secondo disco “Diamo un Calcio all’Aldilà” che contiene il singolo “We want Marò back” conquistano il pubblico e finiscono in rotazione su Radio Popolare. Nell’aprile 2017 esce il loro ultimo disco, dal nome “Gioventù Brucata”.

Canova
Il disco è stato anticipato dal brano e dal video “Vita Sociale”. “Avete ragione tutti” è uno di quegli album di pop italiano indipendente che chiede unicamente di essere cantato. Le melodie catchy, la scrittura schietta e i ritornelli aperti e irruenti costituiscono gli elementi distintivi della band. Romanticismo metropolitano, sensualità prêt-à-porter, un briciolo di malinconia e tanta spontaneità fanno del disco un esordio tanto giovane quanto autorevole.

il Pan del Diavolo
Il gruppo nasce a Palermo nel 2006, nel 2008 vince il concorso Italia Wave Sicilia e registra la prima uscita discografica, ossia “Il Pan del Diavolo” Ep, attirando l’interesse di stampa e pubblico con un tour con più di 80 date. Nel 2010 esce LP d’esordio “Sono all’Osso” per La Tempesta Dischi, ottimamente accolto dalla critica (5 stelle per RollingStone e disco del mese per Buscadero), l’album diventa finalista del Premio Tenco nella sezione “migliore opera prima” e porta in tour la band nei migliori festival e club d’Italia. Nel 2012 esce “Piombo Polvere e Carbone” (La Tempesta Dischi) in cui all’immediatezza dell’esordio si aggiunge una forte componente psychedelica arrangiando e suonando l’album con Antonio Gramentieri (chitarra baritona e basso) e Diego Sapignoli (batteria e percussioni). A febbraio 2013 la band comunica che partecipeà al festival South by SouthWest di Austin TX con due showcase ufficiali. Nel 2014 esce il terzo album “FolkRockaBoom”: registrato al Duna studio, mixato �in Arizona da Craig Schumacher, è stato prodotto dalla band in collaborazione con Antonio Gramentieri. L’album vede anche la partecipazione di Andrew Douglas Rothbard e Sacri Cuori: ha un ottimo riscontro dalla stampa e dal pubblico, che cresce di anno in anno e riconosce nella band una continua ricerca musicale. Verrano estratti quattro singoli e la band calcherà i palcoscenisci di tutta Italia con più di 100 date. Il tour comprende l’apertura al concerto reunion dei Litfiba al Traffic Festival di Torino, con più di 20.000 persone, e il concerto allo storico live club Dingwalls di Londra. Il 17 febbraio 2017 esce “Supereroi”, il nuovo disco di Il Pan del Diavolo: il nuovo disco d’inediti del duo per La Tempesta Dischi vede la partecipazione di alcuni mostri sacri del rock italiano, come Piero Pelù, che ha co-prodotto una buona parte del disco, Tre Allegri Ragazzi Morti, Vincenzo Vasi e Umberto Maria Giardini

DOMENICA 10 SETTEMBRE dalle ore 19.30
Scarda
Scarda – al secolo Nico Scardamaglio – è uno di quei cantautori anni 2000 che, sebbene l’epoca, hanno deciso di puntare su uno stile acustico, schitarrato e in generale un po’ retrò. Formula dimostratasi vincente per qualcuno, e che sicuramente sta avendo i suoi riscontri anche in questo caso. Il suo album di esordio: “I piedi sul Cruscotto” (MK Records) è un esordio indipendente che non se la passa affatto male, raggiunge sempre più ascoltatori, con un trend in graduale crescita, insolito ma reale, come il seguito che affolla i piccoli club delle principali città italiane. Canzoni che cercano di fare poesia, ma con semplicità. Classe 1986, calabrese di lunga adozione (Vibo Valentia), sebbene inesistente in qualsiasi scena musicale fino al 2012, oggi vanta già una candidatura ai David di Donatello 2014 per la soundtrack del film “Smetto quando voglio” e una alle Targhe Tenco 2015 per la “opera prima” di cui sopra.

la Rappresentante di Lista
è una band nata nel 2011 dall’incontro tra Veronica Lucchesi (voce, percussioni e strumenti-giocattolo) e Dario Mangiaracina (guitalele, chitarra, fisarmonica, sassofono e voce). Lui palermitano, lei toscana, entrambi attori teatrali, scrivono a quattro mani testi e melodie. L’anno successivo alla formazione, la band inizia una lunga serie di concerti in giro per l’Italia. Nel 2013 la Rappresentante di lista vince Arezzo Wave Sicilia ed è “fiore all’occhiello” del premio nazionale. È del 2014 invece la candidatura alle targhe Tenco – miglior disco d’esordio – e la partecipazione alle finali del festival Musicultura. Nel marzo 2014 esce il loro primo album (Per la) via di casa per l’etichetta bolognese Garrincha dischi. Il disco gira l’Italia con centinaia di concerti in teatri, club, appartamenti, terrazze, cortili, automobili e strade, tra queste il Ferrara Buskers dell’ agosto 2014. Nel giugno 2015 esce Invisibilmente, primo 45 giri estratto dal nuovo disco, in uscita sempre per Garrincha dischi. A settembre Veronica è nominata miglior voce femminile della scena indie dal MEI – Meeting delle Etichette Indipendenti. Nel 2015 LRDL è tra i 60 finalisti di Sanremo Giovani con il singolo “Apriti Cielo!”. A Dicembre dello stesso anno esce Bu Bu Sad (candidato alle “Targhe Tenco” come miglior disco dell’anno). Ospiti di diverse trasmissioni radio (Zazà su Radio Rai Tre, Casa Bertallot, Minisonica su Radio Popolare) con il secondo disco (recensito da riviste e webzine specializzate – Rumore, Buscadero, Internazionale, Rockit…) Veronica e Dario aka La Rappresentante di Lista raggiungono un buon riscontro dalla critica e un ottimo successo di pubblico. Dalla primavera del 2015 si uniscono alla band Enrico Lupi (tromba, pianoforte e synth) e Marta Cannuscio (batteria e voce), rispettivamente provenienti da Urbino e Palermo. LRDL vince il premio della rete dei Festival / Musica da Bere all’interno della Festa della Musica di Brescia e il PAE (Premio Autore Emergente) ed è considerata tra le migliori band nell’esibizione dal vivo dal circuito Keep On. Oggi è in tour con oltre 200 date all’attivo.

The Zen Circus
Il Circo Zen, da Pisa. Otto album (dieci se consideriamo i progetti solisti) ed un Ep all’attivo, quasi quindici anni di onorata carriera e più di mille concerti. Hanno riportato lo spirito padre del folk e del punk al moderno cantautorato con Andate Tutti Affanculo (2009) un successo -vero- di pubblico e critica che li ha consacrati dopo anni di duro lavoro. Hanno collaborato con Violent Femmes, Pixies e Talking Heads in Villa Inferno (2008). Si sono costruiti una credibilità condivisibile da pochissimi altri artisti nostrani grazie all’attività live più incessante, urgente e di qualità che si possa immaginare. Hanno confermato e moltiplicato il proprio pubblico con Nati Per Subire (2011), il loro primo album in classifica. Il terzo disco completamente in Italiano, Canzoni contro la natura (2014) debutta in top ten nella classifica Fimi/Gfk ed al primo posto su quella di Itunes.
The Zen Circus festeggiano la maggiore età con un nuovo grande disco di inediti, “La Terza Guerra Mondiale”, uscito il 23 settembre per La Tempesta Dischi. “La Terza Guerra Mondiale” è il disco al quale hanno dedicato più tempo in studio, lavorando su ogni piccolo dettaglio, dalle melodie ai testi, dagli arrangiamenti ai suoni. Sono partiti da quaranta provini e hanno scremato fino ad arrivare alle dieci canzoni che compongono il disco, fino a quando non hanno avuto la sensazione che ognuna avrebbe potuto essere un singolo. “La Terza Guerra Mondiale” è, per questo, il disco più “power pop” di The Zen Circus. Gli arrangiamenti sono fatti esclusivamente di chitarra, basso, batteria e voci: per la prima volta in un disco Zen non ci sono tastiere aggiunte, synth, archi o fiati e, se qualche volta può sembrare, si tratta di chitarre o voci filtrate ed effettate: una scelta volta a poter portare dal vivo il disco nella sua forma originale. La splendida copertina racconta, in tutta la sua crudeltà, la provocazione lanciata dal Circo Zen col suo nono disco: rapiti dal bisogno di esistere, che il mondo digitale non sa soddisfare, non sappiamo più accorgerci di quello che ci sta attorno. Oggi più che mai gli Zen si confermano come una certezza del rock indipendente Italiano, portabandiera indiscutibili della musica libera da vincoli: zero pose, zero hype ma solo tanto, tanto sudore. Questa attitudine è stata premiata nel tempo da un pubblico affezionato, sempre più transgenerazionale ed in esponenziale crescita.

DA VENERDI A DOMENICA
DJ SET
HANDMADE & VINTAGE MARKET
ESPOSIZIONI E MOSTRE

more
Inserito da
calamity jane oltre un anno fa