Guns N' Roses

gruppo musicale
Seguito da 0 utenti

I Guns N' Roses sono un gruppo hard & heavy[11][12] statunitense, formatosi a Los Angeles nel 1985.
Con circa 110 milioni di dischi venduti[13], di cui 53,5 milioni nei soli Stati Uniti d'America[14], sono annoverati tra i musicisti di maggior successo nella storia del rock. Lo stile sonoro, l'immagine trasgressiva e le costanti performance dal vivo, li aiutarono ad occupare un posto di prestigio nella scena musicale tra gli anni ottanta e novanta.
A partire dal 1993 il gruppo ha conosciuto problemi e silenzi, a causa di contrasti tra il vocalist Axl Rose (ritenuto il leader carismatico della band) e i vari membri originari. Rose, che scrive anche la maggior parte dei testi, è attualmente l'unico membro rimasto della formazione originale.
La band è stata anche inserita al 92° posto, nella classifica dei 100 artisti immortali secondo la rivista Rolling Stone.[15]

Storia del gruppo [modifica]
Gli inizi (1985-1986) [modifica]

Per approfondire, vedi le voci L.A. Guns e Hollywood Rose.

Axl Rose, storico cantante del gruppo.

Il gruppo fu fondato nel marzo del 1985 da Axl Rose, Tracii Guns, Izzy Stradlin, Ole Beich e Rob Gardner. I cinque componenti originari provenivano da due gruppi, gli L.A. Guns (che si riformarono succesivamente) e gli Hollywood Rose. Succesivamente i membri decisero di unire i nomi dei precedenti gruppi e chiamare il gruppo "Guns N' Roses". Dagli Hollywood Rose provenivano Axl Rose (Voce) ed Izzy Stradlin (Chitarra ritmica), mentre dagli L.A. Guns provenivano Tracii Guns (Chitarra solista), Ole Beich (Basso) e Rob Gardner (Batteria)[16]. Il gruppo si esibì per la prima volta il 26 marzo 1985[17].
Ole Beich, originariamente negli L.A. Guns, lasciò subito il gruppo per poi essere sostituito da Duff McKagan, che esordì insieme agli altri membri della band l'11 aprile di quello stesso anno, al locale "Radio City" ad Anaheim in California. Poco dopo anche il chitarrista Tracii Guns abbandonò il gruppo, a causa di divergenze con Rose, e riformò gli L.A. Guns. Al suo posto entrò Saul Hudson, in arte Slash, che aveva avuto precedenti esperienze in alcune band tra cui London[18], Black Sheep[19] e aveva suonato negli stessi Hollywood Rose insieme a Rose e Stradlin[20].
Qualche mese dopo annunciò la dipartita anche Rob Gardner. Come racconta Slash nella sua biografia, i 4 restanti chiamarono l'unico batterista che sarebbe partito in tour con loro anche la sera stessa; Steven Adler[21], che proveniva come McKagan e Slash dai Road Crew[22]. La band raggiunse così l'assetto che l'avrebbe portata al successo.
Dopo un difficile tour lungo la strada per Seattle (Washington) ed altre due date nell'Oregon, i Guns tornarono a Los Angeles stabilendosi in un piccolo magazzino ribattezzato "Hellhouse", suonando, svolgendo lavori occasionali e continuando i concerti nella zona[23]. Come altri gruppi che suonavano nell'area di Hollywood, i Guns furono tra i primi a diffondere lo stile sleaze metal.
Tom Zutaut della Geffen Records, stupito dalla loro esibizione al "Troubadour", diffuse in giro la falsa notizia che "facessero schifo" per avere più tempo e mezzi per scritturarli[24]. La band ricevette così un anticipo di 75 000 dollari dal manager, il quale però scoprì che Axl aveva già promesso di firmare un contratto con l'etichetta concorrente Chrysalis, a patto che l'agente che l'aveva contattato "avesse camminato nuda per Sunset Boulevard". Zutaut dovette rimanere alla finestra del suo ufficio sul Sunset, a guardare nervosamente la strada, per ben tre giorni prima di riuscire a chiudere l'accordo con il gruppo[25]. Il loro primo manager divenne Alan Niven, che poi li avrebbe aiutati ad incidere Appetite for Destruction.
Grazie a questo contratto, i Guns autoprodussero nel 1986 l'EP Live ?!*@ Like a Suicide, sotto l'etichetta UZI Suicide, creata ad hoc dalla Geffen ma non ufficialmente riconosciuta. Circolato in sole 10.000 copie, Live ?!*@ Like a Suicide aveva l'aspetto e le sonorità di un album live, ma in realtà era stato registrato in studio. Lo scopo dell' EP era quello di attirare attenzione sulla Band, che era alla ricerca di un produttore[26].
Appetite for Destruction (1987-1988) [modifica]

Slash, ex chitarrista del gruppo, nel 2004.

Logo del gruppo fino ai primi anni novanta.

Il loro primo album Appetite for Destruction, registrato insieme al produttore Mike Clink ed uscito nel 1987, è considerato uno dei più importanti nella storia del rock[27]. Nel corso degli anni ha venduto oltre 30 milioni di copie in tutto il mondo[28] ed è stato inserito alla posizione numero 63 nella classifica dei 500 migliori album di sempre secondo Rolling Stone. Tre dei singoli estratti dall'album, "Welcome to the Jungle", "Paradise City" e "Sweet Child O' Mine", entrarono ai primi dieci posti in classifica negli Stati Uniti. Tutti e tre i brani compaiono inoltre nella lista delle 500 migliori canzoni secondo Rolling Stone, rispettivamente alle posizioni numero 467, 453 e 196.
Il disco fu anche uno dei primi a lanciare lo sleaze metal, uno stile di hair metal spesso mescolato con elementi di derivazione punk rock e blues rock. Come è comune in molte band hair metal/hard & heavy, i testi erano incentrati perlopiù sugli eccessi dei componenti della band e sulla vita nei bassifondi di Los Angeles, anche se non mancavano pezzi sentimentali. All'uscita dell'album i Guns N' Roses abbandonarono la maggior parte del loro look glam (specialmente il trucco e le cotonature), ed iniziarono a presentarsi con un atteggiamento più immediato.
Presto si scatenarono polemiche attorno al gruppo per l'abuso di alcol e droghe e per l'immagine violenta e scandalosa, anche a causa della prima copertina dell'album, un dipinto di Robert Williams intitolato Appetite for Destruction, poi censurato e cambiato con un tatuaggio di Axl. Il quadro, che l'autore sostiene non sia mai stato pagato dai Guns, illustrava un mostro con i denti "a pugnale" che difendeva una ragazza da uno stupratore robotizzato.[4]
I cinque facevano ampio uso di stupefacenti, tanto che durante un tour in Gran Bretagna ricevettero il soprannome di "Lines N' Noses" ("piste" e nasi)[29], e la stampa locale disse di loro: "Sono addirittura peggio dei Beastie Boys!"[30]. I Guns suonarono anche da spalla a Mötley Crüe, Aerosmith e Rolling Stones per poi intraprendere un proprio tour, ed insieme a KISS e Iron Maiden presero parte al Monsters of Rock a Donington Park, nel 1988. Durante il tour Steven Adler venne sostituito per alcune date da Fred Coury, batterista dei Cinderella, perché si era rotto una mano in una rissa in cui la band fu coinvolta all'Hyatt Regency Hotel di Chicago[31]. I cinque girarono anche alcuni videoclip di supporto ai singoli che trainarono l'album e le sue vendite, che durano tuttora. I video per "Welcome to the Jungle" e "Sweet Child O' Mine" furono premiati agli MTV Video Music Awards.
GN'R Lies (1988-1989) [modifica]
Nel 1988 uscì G N' R Lies, che raccoglieva i pezzi di Live ?!*@ Like a Suicide e quattro canzoni acustiche (tra cui la versione originale di "You're Crazy", già nel primo album). Ci furono nuove polemiche per i presunti contenuti razzisti ed omofobi della canzone One in a Million, anche se in realtà il testo voleva descrivere come Los Angeles era apparsa al primo impatto ad Axl, cresciuto nella campagna chiusa e bigotta dell'Indiana. Malgrado i chiarimenti della band, le polemiche crearono problemi notevoli, tanto che i Guns decisero di togliere la canzone dalla scaletta dei loro concerti per evitare ulteriori critiche. L'album fu promosso in diverse date assieme ai Body Count, il cui frontman Ice-T scrisse sul libro The Ice Opinion "che lui ed Axl erano entrambi vittime della stampa".
In ogni caso i Guns, con i loro continui eccessi, non sempre facevano parlare bene di sé, tanto che la Geffen ad esempio fu costretta a richiamare alla moderazione Slash e Duff, dopo che sotto l'effetto pesante di droghe avevano insultato in modo volgare il pubblico durante gli American Music Awards del 1988. Contemporaneamente cominciarono anche le pressioni di Axl, scontento per la tossicodipendenza dei compagni. Durante un concerto del 1989 al Los Angeles Coliseum, dove aprivano per i Rolling Stones, il cantante disse che quello sarebbe stato l'ultimo concerto dei Guns N' Roses, in quanto troppi membri della band "Ballavano con Mr. Brownstone"[32]. E così Steven, Slash ed Izzy decisero di entrare in terapia.
Guns N' Roses vs Mötley Crüe [modifica]
Una volta tornati a Los Angeles dopo i concerti in Russia, Vince Neil, vocalist dei Mötley Crüe, si prese 10 giorni di pausa dedicandosi al rafting agli Snake River in Idaho. Da lì chiamo la sua moglie dell'epoca, Sharise Ruddell, che gli raccontò che Izzy Stradlin, chitarrista dei Guns N' Roses, aveva tentato di corteggiarla una sera al Cathouse club (locale di L.A. gestito da Taime Downe dei Faster Pussycat).

Matt Sorum, Batterista del gruppo dal 1990 al 1997.

Stradlin, vedendo che la Ruddell non accosentì all'approccio, la spinse per terra davanti alla gente che si trovava nel locale. Sharise gli tirò uno schiaffo in faccia, ma di risposta il chitarrista le tirò un pugno nello stomaco. Circa un mese dopo, il 5 settembre del '89, i Mötley paterciparono al "Best Heavy Metal Album" agli MTV Video Music Awards svoltisi al Universal Amphitheatre di Universal City, Los Angeles. Mentre il resto della band attendeva all'interno della limousine, Vince aspettò nel backstage mentre i Guns N’ Roses suonavano con Tom Petty.
Vince, terminata l'esibizione, assalì il chitarrista Izzy Stradlin con un pugno in faccia, come ringraziamento per aver picchiato sua moglie. La security dei Motley trascinò via Neil. Mentre questo stava lasciando gli Award, Axl Rose, gli disse che l'avrebbe ucciso. Quando Vince lo incoraggiò a farlo, Axl se ne andò. Questo fu l'inizio di una lunga battaglia tra le due band. Axl Rose iniziò ad insultare Neil in alcune interviste, dicendo che aveva diffamato i Guns N’ Roses per anni. Vince in risposta affermò che aveva insegnato dei trucchi di canto ad Axl per aiutarlo, mentre i Guns N'Roses suonavano di supporto ai Mötley durante il tour di Girls, Girls, Girls.
Axl invitò Vince diverse volte ad incontrarsi per una lotta, almeno 6 volte, in posti come i Tower Records in Los Angeles, o sulla costa di Venice Beach, ma Axl non si presentò mai. Nel frattempo Izzy chiamò Vince e gli chiese scusa per il suo comportamento. Ancora arrabbiato per il gesto di Stradlin, e del trattamento di Axl, Vince invitò Axl, tramite MTV, a fissare luogo e data per l'incontro.
Egli propose una lotta lunedì notte al Great Western Forum di Los Angeles. Eddie Van Halen e Sammy Hagar dei Van Halen dissero che avrebbero pagato per ciò che la lotta si fosse svolta al Madison Square Garden di New York. Nessun combattimento infine venne organizzato, ma la proposta di Vince è aperta ancora oggi.[33]
Use Your Illusion e primi anni novanta (1990-1993) [modifica]

Per approfondire, vedi la voce Use Your Illusion Tour.

Duff McKagan, bassista del gruppo dal 1985 al 1997.

« Non posso negare che cacciare Steven dai Guns N' Roses per abuso di droghe fosse un po' ridicolo ed eccessivamente severo. »

(Slash[34])

Nel 1990 Steven Adler fu cacciato dal gruppo, non avendo risolto i suoi problemi con la droga e non riuscendo più a suonare in modo soddisfacente. Come sostituto venne scelto temporaneamente l'ex batterista dei Sea Hags Adam Maples, prima che Matt Sorum, uscente dai Johnny Crash ed ex The Cult, subentrasse nella band come batterista fisso[35]. Adler fece causa agli ex compagni, ottenendo un risarcimento di 2 milioni di dollari, a causa di una svista presente nel contratto che egli stesso firmò. Assieme a Sorum i Guns ingaggiarono anche il tastierista Dizzy Reed, anch'egli uscente dai Johnny Crash ed amico d'infanzia di Axl, per ampliare le sonorità del gruppo. Attualmente Dizzy è l'unico componente della formazione dei primi anni novanta che collabora ancora con Axl.
Nel maggio del 1991 il manager Alan Niven fu licenziato e sostituito da Doug Goldstein, subito prima che il gruppo partisse per un tour internazionale di tre anni, lo Use Your Illusion Tour, che avrebbe lanciato l'omonimo album uscito poi in 2 CD separati nel settembre dello stesso anno. Seguito da oltre sette milioni di persone, il tour era caratterizzato dall'accompagnamento di una sezione di coriste ed una di fiati, tranne che per alcune date nei paesi del Pacifico. Tra le prime performance si segnalarono un assolo di Slash sulle basi de Il padrino (1972), una versione al pianoforte (di Axl) di "It's Alright" dei Black Sabbath, ed una estesa di "Move to the City". Quando nel settembre 1991 uscirono Use Your Illusion I[36] e Use Your Illusion II[37], registrati insieme al produttore Mike Clink, già alla consolle per Appetite for Destruction. I due dischi riscossero un enorme successo di vendite e rimasero nella classifica di Billboard per 108 settimane, facendo conoscere la band anche al di fuori del mondo rock e metal a cui Appetite for Destruction faceva principale riferimento. Il brano "Crash Diet", venne scritto da Axl Rose, West Arkeen, Del James e Danny Clark. Originariamente doveva fare parte di Use Your Illusion I, ma venne poi scartato. La traccia venne poi ripresa dalla hair metal band Wildside, e inclusa nella loro raccolta The Wasted Years (2004)[38].
Molte performance dello Use Your Illusion Tour furono contraddistinte da risse, ritardi e lamentele di Axl Rose. La dipendenza della band da alcol e droga, anche se ancora presente, era in quel momento sotto controllo, ma Axl dovette far fronte ad altri problemi tra cui la sicurezza, gli accorgimenti tecnici e le registrazioni indebite dei concerti da parte di alcuni loro fans. Il 2 luglio 1991[39], durante un concerto al Riverport Amphitheater di Maryland Heights (Missouri), non lontano da St. Louis, dopo un'ora e mezza di concerto (durante l' esecuzione di "Rocket Queen", dopo due assoli di Slash), Axl Rose saltò in mezzo al pubblico per sottrarre la videocamera ad uno spettatore che li riprendeva illegalmente. Richiamato sul palco dalla sicurezza del gruppo, Rose mise fine all'esibizione e, dopo aver tacciato al microfono d'incapacità la sicurezza locale che non era stata capace di impedire le riprese illegali, se ne andò sbattendo violentemente il microfono sul palco. La folla rispose con una rivolta violenta, che si concluse con circa 60 persone inviate all'ospedale per accertamenti e 15 arresti.
Il cantante fu accusato di aver incitato la rissa e la polizia lo arrestò l'anno successivo, quando la band stava per cominciare altri concerti fuori degli USA. Il procedimento non lo considerò però direttamente responsabile della vicenda. Rose sostenne che le guardie del corpo dei Guns N' Roses avevano fatto quattro richieste consecutive alla sicurezza di Riverport di allontanare la videocamera senza ottenere tuttavia risposta, mentre gli altri Guns sostennero di essere stati presi dal pubblico a colpi di bottiglia e denunciarono l'atteggiamento conciliante della sicurezza locale, la quale aveva perfino concesso al pubblico di ubriacarsi e girare armato. A causa di questi fatti, nelle pagine di ringraziamenti dei due Use Your Illusion il gruppo inserì il messaggio nascosto "Vai all'Inferno, St. Louis!".
Nel 1991 Izzy Stradlin abbandonò il gruppo e fu rimpiazzato da Gilby Clarke, (ex Kill for Thrills), che seguì i Guns in tour salvo alcune date del 1993 dove, infortunato, fu sostituito di nuovo da Izzy. Stradlin sostenne di aver abbandonato il gruppo a causa dei contrasti con Axl e Slash, soprattutto per gli alti costi del video di "November Rain", sempre secondo le sue dichiarazioni. Slash sostenne nella sua Biografia che i motivi elencati da Stradlin erano solo parte delle vere motivazioni del suo abbandono. La formazione dei nuovi Guns era ormai costituita solo da 3 dei suoi membri originari.
Il 20 aprile 1992 i Guns parteciparono al Freddie Mercury Tribute Concert, uno degli eventi musicali più importanti degli ultimi 20 anni, insieme a Robert Plant dei Led Zeppelin, Elton John, David Bowie, Roger Daltrey degli Who, Zucchero, Liza Minnelli, Tony Iommi dei Black Sabbath e i Metallica. La mattina suonarono prima "Paradise City" e poi la cover di Bob Dylan "Knockin' on Heaven's Door", mentre il pomeriggio si esibirono Slash (che eseguì un assolo in "Tie Your Mother Down" suonata con gli stessi Queen) ed Axl, che cantò la parte finale di "Bohemian Rhapsody" (in duetto con Elton John) e "We Will Rock You". Axl ricomparve infine abbracciato agli altri artisti, sul coro finale di "We Are the Champions".
Da Parigi nel 1992 fu trasmesso un concerto in pay-tv in cui comparvero come ospiti Lenny Kravitz, che suonò una canzone composta da lui e Slash, e gli Aerosmith, che suonarono "Mama Kin" e "Train Kepta Rollin'". Il concerto più famoso del gruppo fu però quello tenuto a Tokyo nello stesso anno, dove nei decenni precedenti molti altri gruppi si erano già esibiti, primi fra tutti i Deep Purple. La serata fu aperta con "Nightrain" e si concluse con "Paradise City", e durante il concerto furono eseguiti brani presi da tutti i loro album. In seguito sarebbero stati pubblicati due DVD di questa esibizione. In quel periodo il video per "November Rain" (dall'album Use Your Illusion I), uno dei più costosi della storia della musica (quasi un milione e mezzo di dollari), fu anche premiato per la migliore cinematografia agli MTV Video Music Awards. Oltre che per "November Rain" furono girati clip ad alto budget per "Estranged" e "Don't Cry", mentre per altri pezzi come "Garden of Eden" furono realizzati video a costo più basso. Per "You Could Be Mine", inclusa anche nella colonna sonora di Terminator 2, fu girato invece un video utilizzando spezzoni del film e un live della band.
The Spaghetti Incident? e il declino (1993-1997) [modifica]

Axl Rose live in Israele nel 1993.

Nel 1993 uscì The Spaghetti Incident?, contenente cover di gruppi perlopiù punk rock[40]. Tra varie polemiche e contro la volontà degli altri componenti del gruppo, Axl Rose inserì nel disco la traccia nascosta "Look At Your Game Girl", cover di una canzone di Charles Manson, il mandante degli omicidi di Sharon Tate e Leno LaBianca. Nello stesso anno i Guns furono premiati come miglior gruppo hard rock, agli World Music Awards.
Axl, sebbene fosse alle prese con i problemi creatigli dalle sue ex mogli che lo accusavano di maltrattamenti fisici e psicologici, riuscì ad ottenere dagli altri membri della band i diritti sul nome Guns N' Roses, e a prendere il ruolo di loro guida non solo nominalmente ma anche legalmente. Tale richiesta fu molto contestata da Slash che però, davanti alla minaccia di Axl di lasciare il gruppo durante un tour, alla fine cedette.
Nel 1994 Axl licenziò Gilby Clarke, e lo sostituì col suo vecchio amico Paul Tobias. I Guns incisero la cover di "Sympathy for the Devil" dei Rolling Stones, per la colonna sonora del film Intervista col Vampiro. Quell'anno anche Slash lasciò il gruppo, a causa del completo deterioramento del suo rapporto con Axl, viste alcune mancanze di rispetto che Slash avrebbe notato da parte di Axl, e si separò ufficialmente nel 1996 per dedicarsi completamente al suo progetto contemporaneo, gli Slash's Snakepit[41]. Un anno dopo Axl licenziò anche Matt, che a suo giudizio trascurava i Guns N' Roses a favore del suo gruppo parallelo Neurotic Outsiders, e poco tempo dopo anche Duff lasciò la band. Finiva così la storia del gruppo che aveva portato il nome e la musica dei Guns 'N' Roses al successo mondiale.
La nuova formazione (1998-2005) [modifica]

Buckethead, membro della nuova formazione fino al 2004.

Ben presto cominciarono a girare voci sulla probabile uscita di un nuovo album, ancora con Mike Clink alla consolle e già in lavorazione dal 1994. Nel 1998 Axl tornò sulle scene con i due nuovi chitarristi Robin Finck (Nine Inch Nails) e Paul Tobias, il bassista Tommy Stinson (The Replacements), il batterista Josh Freese (The Vandals), Dizzy Reed e l'addetto ai campionamenti Chris Pittman.
L'anno seguente i Guns registrarono "Oh My God", per la colonna sonora di Giorni contati, con la collaborazione di Dave Navarro e di Gary Sunshine, maestro di chitarra di Axl. La Geffen rilasciò anche Live Era 87-93, raccolta di varie esibizioni live che copre tutta la carriera della band. Poco dopo Robin Finck tornò in tour con i Nine Inch Nails, lasciando la band. Nel 2000 fu rimpiazzato da Buckethead, mentre al posto del batterista Josh Freese entrò Bryan Mantia (già nei Primus). Finck tornò nella band alla fine del 2000, come secondo chitarrista, e la nuova formazione suonò nel gennaio del 2001 a due concerti, uno a Las Vegas e uno a Rio de Janeiro, in Brasile, al festival Rock in Rio. Nelle due esibizioni i nuovi Guns suonarono sia vecchi brani che nuovi pezzi che sarebbero entrati nel nuovo album.
In quel periodo iniziò anche la registrazione dell'album Chinese Democracy[42], la cui pubblicazione è stata da allora rimandata numerose volte. Nel 2002 Paul Tobias fu rimpiazzato da Richard Fortus (The Psychedelic Furs, Love Spit Love), e ad agosto sostennero alcuni concerti in Asia ed Europa. Axl Rose fu anche tra i presentatori agli MTV Video Music Awards del 2002, e nello stesso anno partì il Chinese Democracy Tour. Nel 2003 Appetite for Destruction entrò nella lista dei 500 migliori album secondo Rolling Stone, al numero 61.
Nel marzo del 2004 Buckethead lasciò la band, che fu perciò costretta a non partecipare al Rock in Rio, e nello stesso periodo uscì il Greatest Hits del gruppo. Poco dopo la rivista Rolling Stone inserì i Guns N' Roses nella sua lista dei 100 migliori artisti di sempre, al numero 92[15].
Nel 2004, la Cleopatra Records mise sul mercato l'album The Roots of Guns N' Roses. Contiene le prime registrazioni degli Hollywood Rose, tra cui anche qualche brano ripreso poi dai Guns.
Sempre in quel periodo Axl, Slash e Duff McKagan fecero causa all'etichetta per impedire il rilascio dell'album, soprattutto perché nel titolo "Hollywood Rose: The Roots of Guns N' Roses" appariva il nome del gruppo. Nel mese di novembre del 2004 ed aprile 2005, la corte reagì a favore della Cleopatra e contro Rose. Per concludere, in maggio, il giudice Gary Allen Feess, del distretto della California, ricevette da parte della Cleopatra Records la richiesta di un risarcimento di 24.176,38 dollari.
La preparazione del nuovo disco (2006-2007) [modifica]

Guns N' Roses in concerto a Stoccolma alla Globe Arena nel 2006.

Nel febbraio del 2006, i demo di "Better", "Catcher In The Rye", "I.R.S." e "There Was a Time" furono diffusi illegalmente su Internet, mediante un fansite del gruppo. Nonostante i rappresentanti d'etichetta dei Guns avessero richiesto la cancellazione di testi ed mp3 di quei brani, molte stazioni radio trasmisero deliberatamente "I.R.S.", e a fine febbraio la canzone arrivò 49esima su Radio & Records, primo leak in rete ad entrare in una classifica. Ciò ha rinforzato in alcuni fans l'idea dell'imminente pubblicazione di Chinese Democracy.
I Guns N' Roses hanno partecipato ad alcuni importanti festival europei ed hanno sostenuto vari concerti nel vecchio continente, durante l'estate del

I Guns N' Roses sono un gruppo hard & heavy[11][12] statunitense, formatosi a Los Angeles nel 1985.
Con circa 110 milioni di dischi venduti[13], di cui 53,5 milioni nei soli Stati Uniti d'America[14], sono annoverati tra i musicisti di maggior successo nella storia del rock. Lo stile sonoro, l'immagine trasgressiva e le costanti performance dal vivo, li aiutarono ad occupare un posto di prestigio nella scena musicale tra gli anni ottanta e novanta.
A partire dal 1993 il gruppo ha conosciuto problemi e silenzi, a causa di contrasti tra il vocalist Axl Rose (ritenuto il leader carismatico della band) e i vari membri originari. Rose, che scrive anche la maggior parte dei testi, è attualmente l'unico membro rimasto della formazione originale.
La band è stata anche inserita al 92° posto, nella classifica dei 100 artisti immortali secondo la rivista Rolling Stone.[15]

Storia del gruppo [modifica]
Gli inizi (1985-1986) [modifica]

Per approfondire, vedi le voci L.A. Guns e Hollywood Rose.

Axl Rose, storico cantante del gruppo.

Il gruppo fu fondato nel marzo del 1985 da Axl Rose, Tracii Guns, Izzy Stradlin, Ole Beich e Rob Gardner. I cinque componenti originari provenivano da due gruppi, gli L.A. Guns (che si riformarono succesivamente) e gli Hollywood Rose. Succesivamente i membri decisero di unire i nomi dei precedenti gruppi e chiamare il gruppo "Guns N' Roses". Dagli Hollywood Rose provenivano Axl Rose (Voce) ed Izzy Stradlin (Chitarra ritmica), mentre dagli L.A. Guns provenivano Tracii Guns (Chitarra solista), Ole Beich (Basso) e Rob Gardner (Batteria)[16]. Il gruppo si esibì per la prima volta il 26 marzo 1985[17].
Ole Beich, originariamente negli L.A. Guns, lasciò subito il gruppo per poi essere sostituito da Duff McKagan, che esordì insieme agli altri membri della band l'11 aprile di quello stesso anno, al locale "Radio City" ad Anaheim in California. Poco dopo anche il chitarrista Tracii Guns abbandonò il gruppo, a causa di divergenze con Rose, e riformò gli L.A. Guns. Al suo posto entrò Saul Hudson, in arte Slash, che aveva avuto precedenti esperienze in alcune band tra cui London[18], Black Sheep[19] e aveva suonato negli stessi Hollywood Rose insieme a Rose e Stradlin[20].
Qualche mese dopo annunciò la dipartita anche Rob Gardner. Come racconta Slash nella sua biografia, i 4 restanti chiamarono l'unico batterista che sarebbe partito in tour con loro anche la sera stessa; Steven Adler[21], che proveniva come McKagan e Slash dai Road Crew[22]. La band raggiunse così l'assetto che l'avrebbe portata al successo.
Dopo un difficile tour lungo la strada per Seattle (Washington) ed altre due date nell'Oregon, i Guns tornarono a Los Angeles stabilendosi in un piccolo magazzino ribattezzato "Hellhouse", suonando, svolgendo lavori occasionali e continuando i concerti nella zona[23]. Come altri gruppi che suonavano nell'area di Hollywood, i Guns furono tra i primi a diffondere lo stile sleaze metal.
Tom Zutaut della Geffen Records, stupito dalla loro esibizione al "Troubadour", diffuse in giro la falsa notizia che "facessero schifo" per avere più tempo e mezzi per scritturarli[24]. La band ricevette così un anticipo di 75 000 dollari dal manager, il quale però scoprì che Axl aveva già promesso di firmare un contratto con l'etichetta concorrente Chrysalis, a patto che l'agente che l'aveva contattato "avesse camminato nuda per Sunset Boulevard". Zutaut dovette rimanere alla finestra del suo ufficio sul Sunset, a guardare nervosamente la strada, per ben tre giorni prima di riuscire a chiudere l'accordo con il gruppo[25]. Il loro primo manager divenne Alan Niven, che poi li avrebbe aiutati ad incidere Appetite for Destruction.
Grazie a questo contratto, i Guns autoprodussero nel 1986 l'EP Live ?!*@ Like a Suicide, sotto l'etichetta UZI Suicide, creata ad hoc dalla Geffen ma non ufficialmente riconosciuta. Circolato in sole 10.000 copie, Live ?!*@ Like a Suicide aveva l'aspetto e le sonorità di un album live, ma in realtà era stato registrato in studio. Lo scopo dell' EP era quello di attirare attenzione sulla Band, che era alla ricerca di un produttore[26].
Appetite for Destruction (1987-1988) [modifica]

Slash, ex chitarrista del gruppo, nel 2004.

Logo del gruppo fino ai primi anni novanta.

Il loro primo album Appetite for Destruction, registrato insieme al produttore Mike Clink ed uscito nel 1987, è considerato uno dei più importanti nella storia del rock[27]. Nel corso degli anni ha venduto oltre 30 milioni di copie in tutto il mondo[28] ed è stato inserito alla posizione numero 63 nella classifica dei 500 migliori album di sempre secondo Rolling Stone. Tre dei singoli estratti dall'album, "Welcome to the Jungle", "Paradise City" e "Sweet Child O' Mine", entrarono ai primi dieci posti in classifica negli Stati Uniti. Tutti e tre i brani compaiono inoltre nella lista delle 500 migliori canzoni secondo Rolling Stone, rispettivamente alle posizioni numero 467, 453 e 196.
Il disco fu anche uno dei primi a lanciare lo sleaze metal, uno stile di hair metal spesso mescolato con elementi di derivazione punk rock e blues rock. Come è comune in molte band hair metal/hard & heavy, i testi erano incentrati perlopiù sugli eccessi dei componenti della band e sulla vita nei bassifondi di Los Angeles, anche se non mancavano pezzi sentimentali. All'uscita dell'album i Guns N' Roses abbandonarono la maggior parte del loro look glam (specialmente il trucco e le cotonature), ed iniziarono a presentarsi con un atteggiamento più immediato.
Presto si scatenarono polemiche attorno al gruppo per l'abuso di alcol e droghe e per l'immagine violenta e scandalosa, anche a causa della prima copertina dell'album, un dipinto di Robert Williams intitolato Appetite for Destruction, poi censurato e cambiato con un tatuaggio di Axl. Il quadro, che l'autore sostiene non sia mai stato pagato dai Guns, illustrava un mostro con i denti "a pugnale" che difendeva una ragazza da uno stupratore robotizzato.[4]
I cinque facevano ampio uso di stupefacenti, tanto che durante un tour in Gran Bretagna ricevettero il soprannome di "Lines N' Noses" ("piste" e nasi)[29], e la stampa locale disse di loro: "Sono addirittura peggio dei Beastie Boys!"[30]. I Guns suonarono anche da spalla a Mötley Crüe, Aerosmith e Rolling Stones per poi intraprendere un proprio tour, ed insieme a KISS e Iron Maiden presero parte al Monsters of Rock a Donington Park, nel 1988. Durante il tour Steven Adler venne sostituito per alcune date da Fred Coury, batterista dei Cinderella, perché si era rotto una mano in una rissa in cui la band fu coinvolta all'Hyatt Regency Hotel di Chicago[31]. I cinque girarono anche alcuni videoclip di supporto ai singoli che trainarono l'album e le sue vendite, che durano tuttora. I video per "Welcome to the Jungle" e "Sweet Child O' Mine" furono premiati agli MTV Video Music Awards.
GN'R Lies (1988-1989) [modifica]
Nel 1988 uscì G N' R Lies, che raccoglieva i pezzi di Live ?!*@ Like a Suicide e quattro canzoni acustiche (tra cui la versione originale di "You're Crazy", già nel primo album). Ci furono nuove polemiche per i presunti contenuti razzisti ed omofobi della canzone One in a Million, anche se in realtà il testo voleva descrivere come Los Angeles era apparsa al primo impatto ad Axl, cresciuto nella campagna chiusa e bigotta dell'Indiana. Malgrado i chiarimenti della band, le polemiche crearono problemi notevoli, tanto che i Guns decisero di togliere la canzone dalla scaletta dei loro concerti per evitare ulteriori critiche. L'album fu promosso in diverse date assieme ai Body Count, il cui frontman Ice-T scrisse sul libro The Ice Opinion "che lui ed Axl erano entrambi vittime della stampa".
In ogni caso i Guns, con i loro continui eccessi, non sempre facevano parlare bene di sé, tanto che la Geffen ad esempio fu costretta a richiamare alla moderazione Slash e Duff, dopo che sotto l'effetto pesante di droghe avevano insultato in modo volgare il pubblico durante gli American Music Awards del 1988. Contemporaneamente cominciarono anche le pressioni di Axl, scontento per la tossicodipendenza dei compagni. Durante un concerto del 1989 al Los Angeles Coliseum, dove aprivano per i Rolling Stones, il cantante disse che quello sarebbe stato l'ultimo concerto dei Guns N' Roses, in quanto troppi membri della band "Ballavano con Mr. Brownstone"[32]. E così Steven, Slash ed Izzy decisero di entrare in terapia.
Guns N' Roses vs Mötley Crüe [modifica]
Una volta tornati a Los Angeles dopo i concerti in Russia, Vince Neil, vocalist dei Mötley Crüe, si prese 10 giorni di pausa dedicandosi al rafting agli Snake River in Idaho. Da lì chiamo la sua moglie dell'epoca, Sharise Ruddell, che gli raccontò che Izzy Stradlin, chitarrista dei Guns N' Roses, aveva tentato di corteggiarla una sera al Cathouse club (locale di L.A. gestito da Taime Downe dei Faster Pussycat).

Matt Sorum, Batterista del gruppo dal 1990 al 1997.

Stradlin, vedendo che la Ruddell non accosentì all'approccio, la spinse per terra davanti alla gente che si trovava nel locale. Sharise gli tirò uno schiaffo in faccia, ma di risposta il chitarrista le tirò un pugno nello stomaco. Circa un mese dopo, il 5 settembre del '89, i Mötley paterciparono al "Best Heavy Metal Album" agli MTV Video Music Awards svoltisi al Universal Amphitheatre di Universal City, Los Angeles. Mentre il resto della band attendeva all'interno della limousine, Vince aspettò nel backstage mentre i Guns N’ Roses suonavano con Tom Petty.
Vince, terminata l'esibizione, assalì il chitarrista Izzy Stradlin con un pugno in faccia, come ringraziamento per aver picchiato sua moglie. La security dei Motley trascinò via Neil. Mentre questo stava lasciando gli Award, Axl Rose, gli disse che l'avrebbe ucciso. Quando Vince lo incoraggiò a farlo, Axl se ne andò. Questo fu l'inizio di una lunga battaglia tra le due band. Axl Rose iniziò ad insultare Neil in alcune interviste, dicendo che aveva diffamato i Guns N’ Roses per anni. Vince in risposta affermò che aveva insegnato dei trucchi di canto ad Axl per aiutarlo, mentre i Guns N'Roses suonavano di supporto ai Mötley durante il tour di Girls, Girls, Girls.
Axl invitò Vince diverse volte ad incontrarsi per una lotta, almeno 6 volte, in posti come i Tower Records in Los Angeles, o sulla costa di Venice Beach, ma Axl non si presentò mai. Nel frattempo Izzy chiamò Vince e gli chiese scusa per il suo comportamento. Ancora arrabbiato per il gesto di Stradlin, e del trattamento di Axl, Vince invitò Axl, tramite MTV, a fissare luogo e data per l'incontro.
Egli propose una lotta lunedì notte al Great Western Forum di Los Angeles. Eddie Van Halen e Sammy Hagar dei Van Halen dissero che avrebbero pagato per ciò che la lotta si fosse svolta al Madison Square Garden di New York. Nessun combattimento infine venne organizzato, ma la proposta di Vince è aperta ancora oggi.[33]
Use Your Illusion e primi anni novanta (1990-1993) [modifica]

Per approfondire, vedi la voce Use Your Illusion Tour.

Duff McKagan, bassista del gruppo dal 1985 al 1997.

« Non posso negare che cacciare Steven dai Guns N' Roses per abuso di droghe fosse un po' ridicolo ed eccessivamente severo. »

(Slash[34])

Nel 1990 Steven Adler fu cacciato dal gruppo, non avendo risolto i suoi problemi con la droga e non riuscendo più a suonare in modo soddisfacente. Come sostituto venne scelto temporaneamente l'ex batterista dei Sea Hags Adam Maples, prima che Matt Sorum, uscente dai Johnny Crash ed ex The Cult, subentrasse nella band come batterista fisso[35]. Adler fece causa agli ex compagni, ottenendo un risarcimento di 2 milioni di dollari, a causa di una svista presente nel contratto che egli stesso firmò. Assieme a Sorum i Guns ingaggiarono anche il tastierista Dizzy Reed, anch'egli uscente dai Johnny Crash ed amico d'infanzia di Axl, per ampliare le sonorità del gruppo. Attualmente Dizzy è l'unico componente della formazione dei primi anni novanta che collabora ancora con Axl.
Nel maggio del 1991 il manager Alan Niven fu licenziato e sostituito da Doug Goldstein, subito prima che il gruppo partisse per un tour internazionale di tre anni, lo Use Your Illusion Tour, che avrebbe lanciato l'omonimo album uscito poi in 2 CD separati nel settembre dello stesso anno. Seguito da oltre sette milioni di persone, il tour era caratterizzato dall'accompagnamento di una sezione di coriste ed una di fiati, tranne che per alcune date nei paesi del Pacifico. Tra le prime performance si segnalarono un assolo di Slash sulle basi de Il padrino (1972), una versione al pianoforte (di Axl) di "It's Alright" dei Black Sabbath, ed una estesa di "Move to the City". Quando nel settembre 1991 uscirono Use Your Illusion I[36] e Use Your Illusion II[37], registrati insieme al produttore Mike Clink, già alla consolle per Appetite for Destruction. I due dischi riscossero un enorme successo di vendite e rimasero nella classifica di Billboard per 108 settimane, facendo conoscere la band anche al di fuori del mondo rock e metal a cui Appetite for Destruction faceva principale riferimento. Il brano "Crash Diet", venne scritto da Axl Rose, West Arkeen, Del James e Danny Clark. Originariamente doveva fare parte di Use Your Illusion I, ma venne poi scartato. La traccia venne poi ripresa dalla hair metal band Wildside, e inclusa nella loro raccolta The Wasted Years (2004)[38].
Molte performance dello Use Your Illusion Tour furono contraddistinte da risse, ritardi e lamentele di Axl Rose. La dipendenza della band da alcol e droga, anche se ancora presente, era in quel momento sotto controllo, ma Axl dovette far fronte ad altri problemi tra cui la sicurezza, gli accorgimenti tecnici e le registrazioni indebite dei concerti da parte di alcuni loro fans. Il 2 luglio 1991[39], durante un concerto al Riverport Amphitheater di Maryland Heights (Missouri), non lontano da St. Louis, dopo un'ora e mezza di concerto (durante l' esecuzione di "Rocket Queen", dopo due assoli di Slash), Axl Rose saltò in mezzo al pubblico per sottrarre la videocamera ad uno spettatore che li riprendeva illegalmente. Richiamato sul palco dalla sicurezza del gruppo, Rose mise fine all'esibizione e, dopo aver tacciato al microfono d'incapacità la sicurezza locale che non era stata capace di impedire le riprese illegali, se ne andò sbattendo violentemente il microfono sul palco. La folla rispose con una rivolta violenta, che si concluse con circa 60 persone inviate all'ospedale per accertamenti e 15 arresti.
Il cantante fu accusato di aver incitato la rissa e la polizia lo arrestò l'anno successivo, quando la band stava per cominciare altri concerti fuori degli USA. Il procedimento non lo considerò però direttamente responsabile della vicenda. Rose sostenne che le guardie del corpo dei Guns N' Roses avevano fatto quattro richieste consecutive alla sicurezza di Riverport di allontanare la videocamera senza ottenere tuttavia risposta, mentre gli altri Guns sostennero di essere stati presi dal pubblico a colpi di bottiglia e denunciarono l'atteggiamento conciliante della sicurezza locale, la quale aveva perfino concesso al pubblico di ubriacarsi e girare armato. A causa di questi fatti, nelle pagine di ringraziamenti dei due Use Your Illusion il gruppo inserì il messaggio nascosto "Vai all'Inferno, St. Louis!".
Nel 1991 Izzy Stradlin abbandonò il gruppo e fu rimpiazzato da Gilby Clarke, (ex Kill for Thrills), che seguì i Guns in tour salvo alcune date del 1993 dove, infortunato, fu sostituito di nuovo da Izzy. Stradlin sostenne di aver abbandonato il gruppo a causa dei contrasti con Axl e Slash, soprattutto per gli alti costi del video di "November Rain", sempre secondo le sue dichiarazioni. Slash sostenne nella sua Biografia che i motivi elencati da Stradlin erano solo parte delle vere motivazioni del suo abbandono. La formazione dei nuovi Guns era ormai costituita solo da 3 dei suoi membri originari.
Il 20 aprile 1992 i Guns parteciparono al Freddie Mercury Tribute Concert, uno degli eventi musicali più importanti degli ultimi 20 anni, insieme a Robert Plant dei Led Zeppelin, Elton John, David Bowie, Roger Daltrey degli Who, Zucchero, Liza Minnelli, Tony Iommi dei Black Sabbath e i Metallica. La mattina suonarono prima "Paradise City" e poi la cover di Bob Dylan "Knockin' on Heaven's Door", mentre il pomeriggio si esibirono Slash (che eseguì un assolo in "Tie Your Mother Down" suonata con gli stessi Queen) ed Axl, che cantò la parte finale di "Bohemian Rhapsody" (in duetto con Elton John) e "We Will Rock You". Axl ricomparve infine abbracciato agli altri artisti, sul coro finale di "We Are the Champions".
Da Parigi nel 1992 fu trasmesso un concerto in pay-tv in cui comparvero come ospiti Lenny Kravitz, che suonò una canzone composta da lui e Slash, e gli Aerosmith, che suonarono "Mama Kin" e "Train Kepta Rollin'". Il concerto più famoso del gruppo fu però quello tenuto a Tokyo nello stesso anno, dove nei decenni precedenti molti altri gruppi si erano già esibiti, primi fra tutti i Deep Purple. La serata fu aperta con "Nightrain" e si concluse con "Paradise City", e durante il concerto furono eseguiti brani presi da tutti i loro album. In seguito sarebbero stati pubblicati due DVD di questa esibizione. In quel periodo il video per "November Rain" (dall'album Use Your Illusion I), uno dei più costosi della storia della musica (quasi un milione e mezzo di dollari), fu anche premiato per la migliore cinematografia agli MTV Video Music Awards. Oltre che per "November Rain" furono girati clip ad alto budget per "Estranged" e "Don't Cry", mentre per altri pezzi come "Garden of Eden" furono realizzati video a costo più basso. Per "You Could Be Mine", inclusa anche nella colonna sonora di Terminator 2, fu girato invece un video utilizzando spezzoni del film e un live della band.
The Spaghetti Incident? e il declino (1993-1997) [modifica]

Axl Rose live in Israele nel 1993.

Nel 1993 uscì The Spaghetti Incident?, contenente cover di gruppi perlopiù punk rock[40]. Tra varie polemiche e contro la volontà degli altri componenti del gruppo, Axl Rose inserì nel disco la traccia nascosta "Look At Your Game Girl", cover di una canzone di Charles Manson, il mandante degli omicidi di Sharon Tate e Leno LaBianca. Nello stesso anno i Guns furono premiati come miglior gruppo hard rock, agli World Music Awards.
Axl, sebbene fosse alle prese con i problemi creatigli dalle sue ex mogli che lo accusavano di maltrattamenti fisici e psicologici, riuscì ad ottenere dagli altri membri della band i diritti sul nome Guns N' Roses, e a prendere il ruolo di loro guida non solo nominalmente ma anche legalmente. Tale richiesta fu molto contestata da Slash che però, davanti alla minaccia di Axl di lasciare il gruppo durante un tour, alla fine cedette.
Nel 1994 Axl licenziò Gilby Clarke, e lo sostituì col suo vecchio amico Paul Tobias. I Guns incisero la cover di "Sympathy for the Devil" dei Rolling Stones, per la colonna sonora del film Intervista col Vampiro. Quell'anno anche Slash lasciò il gruppo, a causa del completo deterioramento del suo rapporto con Axl, viste alcune mancanze di rispetto che Slash avrebbe notato da parte di Axl, e si separò ufficialmente nel 1996 per dedicarsi completamente al suo progetto contemporaneo, gli Slash's Snakepit[41]. Un anno dopo Axl licenziò anche Matt, che a suo giudizio trascurava i Guns N' Roses a favore del suo gruppo parallelo Neurotic Outsiders, e poco tempo dopo anche Duff lasciò la band. Finiva così la storia del gruppo che aveva portato il nome e la musica dei Guns 'N' Roses al successo mondiale.
La nuova formazione (1998-2005) [modifica]

Buckethead, membro della nuova formazione fino al 2004.

Ben presto cominciarono a girare voci sulla probabile uscita di un nuovo album, ancora con Mike Clink alla consolle e già in lavorazione dal 1994. Nel 1998 Axl tornò sulle scene con i due nuovi chitarristi Robin Finck (Nine Inch Nails) e Paul Tobias, il bassista Tommy Stinson (The Replacements), il batterista Josh Freese (The Vandals), Dizzy Reed e l'addetto ai campionamenti Chris Pittman.
L'anno seguente i Guns registrarono "Oh My God", per la colonna sonora di Giorni contati, con la collaborazione di Dave Navarro e di Gary Sunshine, maestro di chitarra di Axl. La Geffen rilasciò anche Live Era 87-93, raccolta di varie esibizioni live che copre tutta la carriera della band. Poco dopo Robin Finck tornò in tour con i Nine Inch Nails, lasciando la band. Nel 2000 fu rimpiazzato da Buckethead, mentre al posto del batterista Josh Freese entrò Bryan Mantia (già nei Primus). Finck tornò nella band alla fine del 2000, come secondo chitarrista, e la nuova formazione suonò nel gennaio del 2001 a due concerti, uno a Las Vegas e uno a Rio de Janeiro, in Brasile, al festival Rock in Rio. Nelle due esibizioni i nuovi Guns suonarono sia vecchi brani che nuovi pezzi che sarebbero entrati nel nuovo album.
In quel periodo iniziò anche la registrazione dell'album Chinese Democracy[42], la cui pubblicazione è stata da allora rimandata numerose volte. Nel 2002 Paul Tobias fu rimpiazzato da Richard Fortus (The Psychedelic Furs, Love Spit Love), e ad agosto sostennero alcuni concerti in Asia ed Europa. Axl Rose fu anche tra i presentatori agli MTV Video Music Awards del 2002, e nello stesso anno partì il Chinese Democracy Tour. Nel 2003 Appetite for Destruction entrò nella lista dei 500 migliori album secondo Rolling Stone, al numero 61.
Nel marzo del 2004 Buckethead lasciò la band, che fu perciò costretta a non partecipare al Rock in Rio, e nello stesso periodo uscì il Greatest Hits del gruppo. Poco dopo la rivista Rolling Stone inserì i Guns N' Roses nella sua lista dei 100 migliori artisti di sempre, al numero 92[15].
Nel 2004, la Cleopatra Records mise sul mercato l'album The Roots of Guns N' Roses. Contiene le prime registrazioni degli Hollywood Rose, tra cui anche qualche brano ripreso poi dai Guns.
Sempre in quel periodo Axl, Slash e Duff McKagan fecero causa all'etichetta per impedire il rilascio dell'album, soprattutto perché nel titolo "Hollywood Rose: The Roots of Guns N' Roses" appariva il nome del gruppo. Nel mese di novembre del 2004 ed aprile 2005, la corte reagì a favore della Cleopatra e contro Rose. Per concludere, in maggio, il giudice Gary Allen Feess, del distretto della California, ricevette da parte della Cleopatra Records la richiesta di un risarcimento di 24.176,38 dollari.
La preparazione del nuovo disco (2006-2007) [modifica]

Guns N' Roses in concerto a Stoccolma alla Globe Arena nel 2006.

Nel febbraio del 2006, i demo di "Better", "Catcher In The Rye", "I.R.S." e "There Was a Time" furono diffusi illegalmente su Internet, mediante un fansite del gruppo. Nonostante i rappresentanti d'etichetta dei Guns avessero richiesto la cancellazione di testi ed mp3 di quei brani, molte stazioni radio trasmisero deliberatamente "I.R.S.", e a fine febbraio la canzone arrivò 49esima su Radio & Records, primo leak in rete ad entrare in una classifica. Ciò ha rinforzato in alcuni fans l'idea dell'imminente pubblicazione di Chinese Democracy.
I Guns N' Roses hanno partecipato ad alcuni importanti festival europei ed hanno sostenuto vari concerti nel vecchio continente, durante l'estate del

0 eventi in programma segnala evento

Non ci sono eventi in arrivo per questo artista
0 eventi passati

Non ci sono ancora eventi passati per questo artista
Inserito da
roma circa 10 anni fa